Seleziona una pagina

Emergenza a Malundu

L’ esterno della struttura prima che la tempesta distruggesse il tetto e il controsoffitto

L’interno della struttura, prima che la tempesta la danneggiasse.

La struttura dopo la tempesta.

Contesto

Tramite il progetto “Nascere con cura a Kisanji”, partito nel 2014, la popolazione della zona di Malundu, composta da circa 2300 donne, ha ottenuto l’accesso ad una struttura di maternità accogliente e dignitosa, al cui interno il personale, a seguito di un percorso formativo, ha aumentato la capacità di assistere donne e bambini in modo adeguato.

E’ stata infatti costruita una struttura in muratura contro quella già esistente, un edificio instabile fatto di fango, paglia e scheletro di legno.

I progressi ottenuti tramite il progetto, rischiano però di essere vani: una forte tempesta ha infatti da poco sconvolto la zona, distruggendo il tetto e il controsoffitto della maternità e rovinando di conseguenza l’interno della stessa.

Obiettivo

Ricostruire il tetto e il controsoffitto.

Strategie, materiali e metodi

Occorre agire con velocità per evitare l’insorgere di ulteriori danni, e per ricostruire il tetto, il controsoffitto e ciò che è andato distrutto all’interno della maternità, così da permettere alle donne della zona di partorire in sicurezza e in condizioni igieniche idonee i loro bambini.

Affinché tutto questo sia possibile occorre raccogliere nel minor tempo possibile € 4.500, una donazione può aiutare più di 2000 donne e i loro bambini!

Apdam - Logo
Share This